Cerca nel blog

Archivio blog

Colpa del riso...

1:01:00 PM Posted In , 0 Comments »
Ho provato diverse volte a fare gli arancini, senza successo. Cominciavo a sentirmi inadeguata, fino a quando, al supermercato, davanti allo scaffale del riso, mi si illumina una lampadina, l'ultimo neurone rimasto...L'ultima volta ho usato il riso "giallo" a chicco lungo...uhm...mentre gli arancini li ho sempre visti preparare con il riso bianco a chicco tozzo...aperta parentesi-i migliori arancini li ho mangiati sul traghetto verso la Sicilia, quando, da bambina, ci andavo per le vacanze estive, con i miei genitori, che tempi!! Partivamo da Milano con la macchina, di buon ora al mattino, mia sorella ed io ancora in pigiama, mettavamo i cuscini dietro e passavamo la maggior parte del tempo dormendo. Ci si svegliava giusto per le soste. Mio padre caricava le sue cassette anni '60, per questo che ora conosco quasi tutte le canzoni italiane di quell'epoca!! Le soste all'autogrill erano i momenti del viaggio, che preferivo: si andava al parcheggio, si aprivano tutte le portiere, si utilizzava il cofano come piano di appoggio, si preparava il pranzo a base di affettati, pane, olive, ecc., fino a sazietà. E poi di nuovo in macchina fino al paesello siculo. - Chiusa parentesi.

Decido, cosi', di acquistare il riso bianco, la prossima volta ci riprovo, dico tra me e me. Ieri, pensando a cosa preparare per il pranzo delle bimbe, dopo aver visto il blog di Mamma Papera, e avendo un po' di tempo a disposizione, mi azzardo e provo a preparare le polpette di riso.
E questo è il risultato:
Riporto qui di seguito la ricetta, copiata da Mamma Papera:
Ingredienti:
risotto avanzato (io ho usato risotto alla milanese)
cubetti di formaggio (io ho usato provola affumicata, ma va bene qualsiasi formaggio che possa sciogliersi)
farina
acqua
pan grattato fine
olio per friggere
sale e pepe

Preparazione:
Fate raffreddare il risotto in una ciotola, di solito io lo lascio li tutta la giornata e la sera preparo gli arancini.
Quanto sono pronta per preparare gli arancini, in una ciotolina, metto dell’acqua, non ne serve molta, tutto dipende dalle quantità di risotto che avete, e aggiungete farina tanto quanto basta per ottenere una pastella liquida, ma che riesca a coprire la pallina di riso. In un’altra ciotola mettete il pangrattato e iniziate a preparare le palline di riso, con le mani bagnate, così riuscite a compattarle per bene, all’interno di ogni pallina di riso mettete un cubetto di formaggio e richiudete per bene.
A questo punto immergete, una ad una, le palline di riso nella pastella di farina e passatele nel pan grattato, se invece di un formaggio mettete della mozzarella fresca vi conviene ripetere questa operazione per due volte, altrimenti potete rischiare che l’acqua contenuta nelle mozzarelle scoppi facendo aprire il vostro arancino. Per la grandezza regolatevi voi, ma o li preferisco molto piccini, quasi fossero un finger food.
Scaldate molto bene l’olio e fate cucinare fino a doratura, poiché è già tutto cotto.
Se volete congelare, come faccio io, disponete le palline di riso o gli arancini in un vassoio ben distanziati coperti da pellicola e quando si saranno congelati potete metterli nei sacchettini per il congelatore. Io di solito uso scrivere, il gusto e la data di congelamento. Questi arancini sono davvero sfiziosi e potete usarli per servire un aperitivo o un antipasto ai vostri invitati. Potete friggerli direttamente da congelati, facendo ovviamente attenzione alla cottura.
 Mie considerazioni: fantastici!! Esitavo riguardo la pastella, ma ho dovuto ricredermi, in cottura non diventa dura come il marmo. Appena tolti dall'olio, risultano croccanti, il giorno dopo, la crosta diventa morbida.

0 commenti:

Blog vari