Cerca nel blog

Archivio blog

Il piccolo chimico

1:13:00 AM 0 Comments »
Pensavo al titolo del post e mi è venuto in mente il piccolo chimico, forse ispirata dal periodo di test gastronomici che sto affrontando...

Iniziamo spiegando che, dopo aver acquistato i vasetti (non i Bormioli, qui costano un occhio della testa, e siccome ne ho due, entrambi mancanti di decimi, non mi è sembrato il caso di sprecarne uno...), dopo aver pastorizzato, pastorizzato, pastorizzato e ri-pastorizzato più volte li stessi barattoli, cambiando tutte le volte il tappo, scopro oggi, per puro caso, ponendo una banale e semplice domanda al tizio del negozio, che questi tappi non sono adatti alla pastorizzazione a bagnomaria (bollitura in capiente pentola, per 30 minuti e raffreddamento graduale, nella stessa acqua), essendo destinati alle industrie, che utilizzano altri sistemi di sterilizzazione...ah! E quindi?! Dopo aver invasato, chiudi bene, ma bene bene, incroci le dita (aggiungo io) e metti in luogo asciutto e buio. E come mai non si possono bollire? Chiedo io, ingenuamente. Perchè l'acqua calda dilata la gomma che si trova all'interno del tappo e quest'ultimo, anzichè abbassarsi per creare il sottovuoto, spinge verso l'altro e forma una conca. Ah! Ecco scoperto l'arcano. Ed io che ho passato notti insonni, pensando a come fare per pastorizzare bene, sentendomi male per paura di aver sbagliato qualcosa, litigando furiosamente con mia madre che incolpava me dei vari insuccessi...ah!

Ogni giorno provo qualcosa di diverso, a volte anche più prodotti al giorno. Oggi mi somo limitata a 3 esperimenti, anche se, a dir la verità, uno è un ritorno al passato: macedonia di frutta sciroppata, pesche sciroppate e lievito madre. 
Per quanto riguarda il lievito madre, dopo l'esplosione avvenuta qualche anno fà, non ho mai trovato il coraggio di riprovarci, ma ora è assolutamente necessario. Oggi ho, finalmente, ricevuto i pirottini per il panettone, che mi ha spedito mia madre. Lo sò lo sò, Natale è ancora lontano, ma devo muovermi in tempo, per poter sperimentare, milgliorare, e soprattutto per sapere quanto tempo, il panettone, si conserva nel sacchetto di plastica.

0 commenti:

Blog vari